L'OFITA

 

10/01/2011
PAPA RATZINGER E L'EDUCAZIONE CIVILE


Joseph RatzingerdistNon sono crede
nte, credo che da post precedenti lo si sia intuito; non mi riesce però di essere visceralmente anticlericale, ho avuto un'educazione cattolica, anche se non bigotta e conosciuto sacerdoti degni del massimo rispetto. Ma certe uscite papali non le capisco proprio.
Mi spiego: è giusto e coerente con la "missione apostolica" il chiedere libertà di culto nei paesi non a maggioranza cattolica; qualche dubbio mi sorge invece quando rivendica libertà di ostensione dei simboli religiosi (crocifisso docet) in luoghi pubblici, nei paesi dove la libertà religiosa è garantita - come nel nostro -; ma anche in queso caso è vero che alcuni simboli sono fortemente intrecciati con la cultura e la storia locale e non è possibile toglierli tout-court.
distNon capisco invece affermazioni come quella rilasciata nel corso dell’udienza col corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede: "un’altra minaccia alla libertà religiosa delle famiglie in alcuni Paesi europei, là dove è imposta la partecipazione a corsi di educazione sessuale o civile che trasmettono concezioni della persona e della vita presunte neutre, ma che in realtà riflettono un’antropologia contraria alla fede e alla retta ragione"; lasciamo perdere l'educazione sessuale, nervo scoperto della dottrina della chiesa, ma l'educazione civile è uno dei pilastri fondanti del vivere comune, è ciò che fa di un cittadino, un cittadino cosciente dei propri diritti e doveri ed è compito di uno stato democratico formare le persone nel rispetto delle regole del vivere civile; il delegare questo compito ad altri significa venir meno ad un dovere costitutivo dello stato stesso.



On line


Dal 1867 al 2005

dizionario sinonimi

Contatore



Michele Cristini

Crea il tuo badge

mix pop-art

Skype
michelecristini
Facetime
michelecristini@michelecristini.it


 

Home page
Home Page


Email
Scrivimi

Apple
Made on a Mac


Cerca nel sito


s